Attualità

veleni 8

In Svizzera, per conto della rivista Bon à savoir, sono stati testati quindici diversi tipi di pasta, prodotti da aziende svizzere e italiane. Dal controllo è risultato, che sette marche presentavano tracce di pesticidi. Nella pasta della Coop svizzera sono stati trovati due insetticidi: la cipermetrina e il pirimifos.  La cipermetrina è utilizzata in tutto il mondo nelle coltivazioni estensive di cereali, caffè e cotone. Mentre il pirimifos metile viene usato durante lo stoccaggio della farina e del grano.  Barilla, Colombino, Pasta di Flavio e Reggano sono risultate meno “tossiche” della sorella svizzera. Infatti gli esami condotti sulla pasta di queste marche hanno riscontrato ”soltanto” la presenza del pirimifos. La pericolosità di alcuni pesticidi non è riscontrabile nel breve periodo, invece l’introduzione giornaliera di tali sostanze nell’intestino, prepara il terreno per l’arrivo di patologie gravi.

 

La Barilla è il leader mondiale nella vendita della pasta. Da anni realizza campagne pubblicitarie dove lega i suoi prodotti alla famiglia e all’ Italia. Nonostante l’azienda interpellata da EcoBlog abbia precisato che la percentuale di pesticidi riscontrata è sotto il livello di sicurezza europeo e italiano l’analisi effettuata in Svizzera inquieta.

Inoltre la questione dei pesticidi riapre la ferita della tracciabilità delle materie prime, mai rimarginata. Le confezioni della pasta non riportano la provenienza del grano. Nel caso della Barilla, per ammissione della stessa azienda, almeno un 20% del grano non è italiano. Ma se tanto mi da tanto  la percentuale dovrebbe essere ancora maggiore. La non dichiarazione di provenienza da adito a “cattivi” pensieri. Perché non scrivere da dove proviene il grano? Comunque i fatti parlano chiaro. La dieta mediterranea è in crisi. Il numero degli intolleranti al glutine è in aumento, per l’intestino digerire le farine è sempre più un’ impresa.

 

Abbiamo perso il controllo dei prodotti che mangiamo. La globalizzazione, avvenuta anche “grazie” ai  puzzolenti hamburger della Mc Donald’s che hanno peggiorato la dieta di milioni di persone, ha diminuito la sicurezza alimentare e cancellato quei principi nutrizionali alla base di un buon pasto. Il Junk food, cibo spazzatura, ha stravolto l’alimentazione, con conseguenze nefaste sulla salute. Siamo diventati dei consumatori bulimici di zucchero e di sale. Oltretutto il junk food è pure nauseabondo per il palato.

 

Uno chef statunitense, negli ultimi mesi, ha ingaggiato una battaglia televisiva contro la emme dorata. La denuncia catodica di Oliver ha informato milioni di consumatori che la carne acquistata da Mc Donald’s, essendo scadente, deve essere trattata con ammoniaca prima della vendita. L’idrossido di ammonio viene usato per pulire i pavimenti perché uccide molti batteri, secondo voi è normale che un bambino lo debba ingerire?  Invece per la Food and Drug Administration l’ammoniaca è sicura, in quanto le concentrazioni normalmente presenti negli alimenti non rappresentano un rischio per la salute.  E’ innegabile che il menù del Mc Donald’s non sembra stilato da un cuoco, ma da un chimico. Oltre a qualche acida verdurina e all’immancabile carne OGM, tra gli ingredienti compaiono: glicerina, fosfato biosdico, gomma xatano, acido malico, sorbato di potassio, lecitina di soia, glicole propilenico, alginato e sodio benzoato. Se vogliamo sperare d rimanere in salute dobbiamo, almeno, operare una vera e propria rivoluzione in ambito alimentare. Partiamo dal tornare a mangiare cibi sani e gustosi, per riappropriarci della possibilità di essere noi stessi.

Cerca